Zoloft
J.A.T. template series was designed 2006 by 4bp.de: www.4bp.de, www.oltrogge.ws
Vivere davvero
Ho sempre sentito, come credo la maggior parte di tutti voi, parlare dell’Africa con aria sognante. Ho sentito parlare della sua natura selvaggia, della povertà dei suoi popoli, dell’ imponente maestosità dei suoi paesaggi e delle sue creature.E come avrebbe potuto un amante della natura come me resistere ancora al suo richiamo?Come non immergersi in lei nel viaggio più importante della vita, ovvero il viaggio di nozze?Germana, ora mia moglie, rinunciando magari ad una vacanza più agevole e rilassante a lei più consona, ha voluto accontentarmi (e di questo la ringrazierò sempre) e realizzare così uno dei sogni della mia vita, ovvero quello di fare un safari in Africa. Nel cuore dell’ Africa: il Kenya.

Abbiamo soggiornato per quindici giorni al villaggio del Ventaglio “Temple Point”, nei pressi di Watamu, dove davvero ci siamo trovati come meglio non avremmo potuto: il personale locale è stato sempre cordialissimo (i Jambo a noi indirizzati da parte di tutti loro si sono sprecati ad ogni incontro o minima occasione), lo staff di animazione, composto solo da sette persone e quindi estremamente “casalingo ed umano”, è stato eccezionale, e il separarsi da loro (Fede, Giorgio e Nico in particolare, ma anche da Matteo, Chicca, Calamaro e Maura) è stato decisamente doloroso.Ma si sa, l’ amicizia, se merita ed è autentica, non teme né il tempo né lo spazio, quindi tutte le porte sono ancora aperte ad ogni evenienza.Fuori dal villaggio poi, che in Kenya in effetti serve solo come “campo base” per il turista fra un’ escursione e l’ altra (stare chiusi nel villaggio per tutta la durata del soggiorno sarebbe un delitto), ci siamo tuffati nella vera Africa, quella autentica, quella non mascherata dalle strutture occidentali.

E allora, grazie anche e soprattutto a Donatella e suo marito John (tanti di voi li conosceranno), abbiamo visto come si vive a Malindi, come si corre a riaprire la bottega per l’ arrivo di un turista tentando di vendergli qualche Euro di merce, come si cammina ai bordi della strada nel buio profondo della notte (già alle 18.30 calano le tenebre), come si passa il sabato sera in un tipico locale ballando e mangiando (possibilmente solo con le mani, dopo che il cameriere è passato a lavarle con una brocca d’ acqua e un catino).Grazie a ciò che abbiamo visto, adesso sappiamo cosa è la vera miseria, cosa vuol dire dover chiedere in regalo al turista la penna e lo zaino per la scuola, le ciabatte, le maglie e i pantaloni. Sappiamo cosa vuol dire dover lavorare o arrangiarsi in qualche modo non per cambiare l’ auto o la televisione, ma per poter mangiare. Sappiamo cosa vuol dire essere vecchi e non avere nemmeno cinquant’anni.

Ma, nonostante tutto questo, abbiamo visto centinaia di bambini correre incontro alla nostra auto di passaggio nel loro villaggio per salutarci; abbiamo visto tanta gente sorridere, tanta gente ballare, tanta gente cantare. Allora è vero che si può essere felici pur non avendo niente. Il cuore non dipende dai soldi o dal potere. Respirare, vivere; questo può bastare per essere felici? Forse anche noi un giorno ne saremo capaci.Abbiamo provato (con un mio personale certo imbarazzo) cosa vuol dire mangiare in abbondanza a bordo di una barca, mentre tutt’ intorno la marea sale e i ragazzi che ci circondano ci guardano e ballano e cantano per noi, in attesa di qualche nostro avanzo o nella speranza di riuscire a venderci un ultimo souvenir, per poi tornare a nuoto alla spiaggia da dove sono venuti, dato che il livello dell’ acqua è salito a tal punto da non permettere più di rientrare camminando.

Io personalmente ho provato cosa vuol dire rifiutare di comprare qualcosa dai ragazzi della spiaggia, per poi essere invitato subito dopo da loro stessi a giocare a calcio con loro trattandomi come l’ ospite d’ onore.Il safari poi, chi non lo ha vissuto non può capire…l’ infinito , il silenzio, la pace, la vita. Siamo stati per tre giorni e due notti nello Tsavo Est, dall’ alba al tramonto nella savana sconfinata seduti sul tetto di una jeep, percorrendo chilometri e chilometri fra paesaggi mutevoli e animali liberi, autentici. Abbiamo visto all’ imbrunire elefanti solitari al centro di pianure senza fine, e allora abbiamo capito cosa è la vera libertà, cosa vuol dire trascorrere un’ intera vita senza obblighi di tempo e spazio. Abbiamo visto leoni girare intorno alla nostra jeep ed emettere ruggiti di una profondità spaventosa. Siamo transitati veloci vicino a gazzelle e antilopi di tutti i tipi, restituite immediatamente al loro mondo per l’ eternità dopo averci degnati di uno sguardo neppure incuriosito.

Avere il vento in faccia circondati dalla natura più selvaggia e incontaminata: una sensazione che difficilmente avremo la fortuna di provare nuovamente.Per non parlare delle sensazioni forti che riesce a trasmettere il dormire in tenda all’ interno della savana, senza recinzioni né protezioni di alcun tipo. Provate a immaginare cosa vuol dire trovarsi al buio in una tenda e sentire un elefante che beato procede nelle sue attività notturne appena al di la del telo, o sentire rumori di ogni tipo amplificati all’ ennesima potenza appena si prova a spegnere la luce.So che quanto ho scritto è tutt’ altro che esaustivo, posso comunque dirvi che se ognuno al mondo avesse la possibilità di fare uno e un solo viaggio nella sua vita, io consiglierei senza dubbio a chiunque di andare in Kenya e vivere tutto quello che abbiamo vissuto noi, e allora davvero non si potrà desiderare altro se non quello che è già stato.

L’ Africa è la vita, quella vera. La savana è ciò che sarebbe il mondo senza ausili tecnologici.L’ Africa vi resterà nel cuore, e l’ unico modo per ripagarla almeno in parte di ciò che saprà darvi, sarà quello di parlare nel miglior modo possibile di essa e di tutto ciò che racchiude ogni volta che ne avrete la possibilità.Il sole della savana continuerà a scaldarvi il cuore anche quando sarete tornati fra le scure quattro mura del vostro ufficio.Luca Sai cosa è successo oggi?


TORNA ALL'INDICE
 

Chi e' online

Foto Kenya

Sondaggi